Le 12 tappe nel Viaggio dell’Eroe

Se per caso ti sei perso la Puntata n.1 la trovi qui.

2Allora? Vuoi ancora sapere cos’è Il Viaggio dell’Eroe? Sei pronto a scoprire la “magia” che può portare nella tua vita? Allora lascia che ti dica dove sei…

Sebastiano Todero foto verdeOk… qui sempre Sebastiano Todero rispettabile padre di famiglia e stimato dottore in psicologia del lavoro che tuttavia ama scherzare un po’ con questi toni “magici” e nella prima puntata di questa serie ti ho spiegato perchè sarebbe stato necessario accettare queste atmosfere “misteriose” per apprezzare veramente la potenza del Viaggio dell’Eroe.

Proprio nella prima puntata hai scoperto che questo concetto non è per nulla una mia invenzione o l’ultima novità di qualche romanziere fantasioso e che anzi è una storia che si perde nella notte dei tempi e che si può trovare con piccole differenze nella cultura e nei miti di ogni popolo.

Hai scoperto che ti può essere utile per ritrovare coraggio, sicurezza e un senso di direzione nella tua vita personale e professionale perchè in definitiva descrive una serie di tappe (il viaggio appunto) che tutti noi prima o poi percorriamo. La consapevolezza che altri hanno fatto il Viaggio prima di noi e altri lo faranno dopo di noi ci aiuta ad andare avanti con più serenità e ricordando sempre che un pizzico di avventura e mistero non sono negativi e anzi possono dare più gioia e soddisfazione alla fine del viaggio.

Infine hai scoperto che ogni Eroe che si rispetti ha i suoi nemici da combattere… se Ulisse doveva difendersi dal mostruoso ciclope o dalle insidiose sirene, se i cavalieri dovevano combattere contro draghi sputafuoco e maghi potentissimi… noi “eroi moderni” abbiamo un nemico moderno chiamato “illusione di massa”.

L’illusione di massa è una sorta di continuo e costante attentato alla nostra percezione della realtà, un inganno perpetrato dalla politica, dal marketing, dalla moda e così diffuso da essere ormai diventato invisibile e per questo ancora più potente.

Questo nemico “illusionista” manipola le nostre decisioni d’acquisto, influenza i nostri gusti personali, orienta le abitudini di vita, plasma i nostri sogni rischiando di renderli troppo ottimisti e poco realistici, ci convince di essere in crisi economica quando è funzionale alle speculazioni finanziarie o di essere usciti dalla crisi quando è funzionale alle elezioni politiche… e potrei continuare a lungo.

Noi eroi moderni sappiamo di avere un “nemico” ma è un nemico virtualmente invisibile, perchè agisce nella nostra mente e manipolando la nostra percezione della realtà, ci inganna di continuo potendo così agire indisturbato. E’ un nemico che non ha un volto e una forma definita perchè è diffuso e globale come la cultura di massa, come il marketing delle multinazionali, come l’informazione e la disinformazione, come la propaganda politica e tutto il resto…

Nessuno è questo nemico e lo siamo tutti … perchè persuasi che l’illusione, l’inganno e il raggiro siano le uniche armi con cui combattere e vincere le nostre battaglie, ognuno appena può le usa. Lo facciamo fregando i clienti, lo facciamo evadendo le tasse, tradendo il partner o fingendo di essere chi non siamo nelle bacheche di FaceBook… lo facciamo perchè ci sembra che lo facciano tutti… e così diventa!

OK… ferma tutto! Forse ti stai facendo un paio di domande killer:
<< MA se questo nemico è così potente, subdolo, invisibile e pervasivo… come posso anche solo sperare di sconfiggerlo? Perchè dovrei farlo io? Perchè spetta a me farlo? >>

Questo in parte dipende proprio dal tuo “spirito eroico” e da quanto credi di essere una persona speciale e destinata a qualcosa di importante… ma in linea di massima il vero motivo per cui tutto questo dovrebbe interessarti è molto semplice: se non combatti questo nemico sarai sconfitto!

La sconfitta di cui parlo non è la “morte sul campo di battaglia” e non rischi di essere “mangiato dal drago” 🙂 ma rischi di non avere la soddisfazione che meriti nella tua vita, nei rapporti con gli altri, a livello economico e professionale. Rischi di vedere che con qualche “sporco trucchetto” gli altri fanno carriera e tu resti indietro, rischi di vedere che i partiti politici in cui riponi le speranze del cambiamento si approfittano del tuo voto, rischi di credere che anche in amore essere sinceri non paga ed è meglio ingannare, tradire e “vendersi” per quello che non si è.

In poche parole l’atmosfera di inganno e illusione in cui tutti siamo immersi, da quella dei media (TV, giornali e internet) a quella interpersonale (chiacchere, calunnie, pettegolezzi e gossip perfido) ti può portare un senso di smarrimento e confusione o addirittura di paura e pessimismo cronico.

Se ti convincono che tutto è finto, che non c’è verità a cui affidarsi, se anche le chiese e le religioni sono piene di scandali e intrighi, di omissioni e complotti… allora in cosa credere?

Infatti se c’è una cosa che come dottore in psicologia mi fa inorridire e che non posso accettare è che sempre più persone iniziano a credere nuovamente alla “magia”, riscoprono un antico e inefficace “pensiero magico” che sembra essere fatto apposta per consolare i “disperati” ma che non è altro che l’ennesima illusione o forse la peggiore, perchè fatta da persone che fanno proprio i “maghi, i santoni o i guru newage” e non come metafora ma come professione criminosa.

MA quindi? Siamo circondati? Non c’è via di scampo? Dobbiamo rassegnarci ad essere illusi e non sapremo mai dove finisce l’inganno e inizia la verità.

La verità è che la fuori tutto fanno a gara per avere di più, per vendere di più, per approfittare dell’ingenuità altrui e non lo dico con rassegnazione pessimistica ma lo dico con realismo e sono pronto a continuare ad essere ottimista ma è proprio per questo che anche tu mi devi aiutare a far conoscere il Viaggio dell’Eroe.

Se non possiamo indebolire il nemico esterno… allora dobbiamo rinforzare la resistenza interna!

Se non è fuori di noi che possiamo trovare le certezze… indovina dove dovremmo cercarle o crearle?
Esatto: dentro di noi! Ed è per questo che il Viaggio dell’Eroe è un viaggio di consapevolezza e riscoperta del proprio valore che dobbiamo fare e far fare.

Ma sto viaggio dell’eroe cos’è veramente? Non stiamo parlando di cose un tantino “mistiche”? 

NO… assolutamente NO. Questo argomento, te l’ho detto, si presta ad essere presentato con delle atmosfere “magiche” perchè l’effetto che ha sulla nostra vita è semplice e potente così come sembrano essere le magie… ma non c’è assolutamente nulla di magico o sopranaturale nella teoria del Viaggio dell’Eroe ed è qualcosa che possono usare tutti senza dovere credere a cavolate o a cose “mistiche”. Parola di dottore in psicologia !!

12107485_1626475427626397_962209671_nTanto per farti capire la concretezza e la “materialità” del modello del Viaggio dell’Eroe, la persona che probabilmente l’ha divulgata di più al mondo non è nemmeno il suo massimo teorizzatore, J. Campbell (che comunque era uno stimatissimo studioso di antropologia e mitologia comparata)  ma piuttosto un suo utilizzatore: lo scrittore di sceneggiature cinematografiche Christofer Vogler.

In sostanza Vogler per anni ha usato la struttura del Viaggio dell’Eroe per scrivere sceneggiature cinematografiche che risultavano “magicamente” perfette, capaci di attrarre il pubblico e far vivere emozioni intense come se tutti si immedesimassero nella storia narrata.

Cominci a capire? La struttura del Viaggio ha questo potere “magico” e per come è congegnata permette quasi a tutti di rivedersi in una sorta di specchio collettivo in cui tutti si riflettono.

Ti stupirà quindi scoprire che nell’essenza il Viaggio dell’Eroe è un percorso in 12 tappe, che descrive una trasformazione del protagonista, che da una condizione iniziale di parziale “disagio” attraversa una serie di prove, allenamenti, fallimenti, bivi e svolte epocali, apprendimenti e successi che alla fine lo conducono ad una conquista.

Infatti l’Eroe non è tale perchè alla fine del suo viaggio è il migliore di tutti o imbattibile… ognuno di noi diventa un Eroe quando si trasforma da quello che era in quello che può diventare; questo è il vero Viaggio! Ed è sempre un Viaggio individuale.

OK… la cosa sembra “figosa” ma adesso voglio sapere quali sono le 12 tappe…

Dato che ti ho parlato così tanto di come sia facile e frequente essere illusi dai mentalismi di massa, lascia che ti faccia un esempio proprio a proposito del numero delle tappe del Viaggio: 12.

Ora, immagina per un istante che io voglia spiegarti perchè sono 12 ma voglia anche farti credere che c’è un motivo “speciale” per cui sono 12 e non 13 oppure 11. Ecco come farei…

In effetti che 12 sia un numero con un significato speciale forse lo sai già e forse non è un caso che:
1) suddividiamo la giornata in gruppi da 12 ore
2) suddividiamo l’anno in 12 periodi distinti
3) in occidente abbiamo 12 segni zodiacali
4) 12 erano gli apostoli di Gesù
5) 12 erano (in molti testi) i cavalieri della tavola rotonda
6) esiste la teoria delle 12 personalità differenti
7) 12 sono le categorie o forme a priori dell’intelletto secondo Kant
8) 12 erano le fatiche di Ercole
9) 12 anni è considerata l’età più “trasformativa” di tutta la vita in cui si abbandona l’innocenza
10) 12 è il numero di stelle inizialmente posto sulla prima bandiera Europea
11) 12 è il numero dei principi fondamentali della costituzione italiana
12) ……. lo scoprirai dopo……

Hai capito? Ti sembra ancora che sia una semplice coincidenza? Io non credo…

Seguimi… perchè ho voluto un po’ insistere su tutte le simbologie del 12 per farti anche capire come è facile ingannare le persone e sostenere teorie di ogni genere portando come dimostrazione delle coincidenze del tutto illusorie o che comunque non spiegano nulla di particolare.

Adesso devi sapere che se elenchi 12 situazioni in cui si ritrova un certo numero, le persone sono pronte a credere che non possa essere una coincidenza! E così crei una cosiddetta “coincidenza illusoria” uno dei principi di persuasione più popolari ma potenti

Sarà una coincidenza che servano 12 prove? e questa era proprio la 12esima? 😉

OK… Hai capito che scherzo vero? Non ti voglio certo propinare teorie strane o da numerologo da strapazzo ma è solo per dirti che il modello del Viaggio ha voluto ricalcare un numero di tappe che probabilmente ha un suo fascino perchè siamo abituati a rivederlo spesso e forse ci sembra naturale suddividere un processo in 12 fasi. Comunque il messaggio è chiaro? Non credere alle teorie basate sulle coincidenze perchè è veramente un gioco da ragazzini trovarle o inventarle!

Invece torniamo a noi e vediamo quali sono le 12 tappe del Viaggio dell’Eroe:

FASE A (la chiamata)
01. Il mondo ordinario
02. Chiamata all’avventura
03. Rifiuto della chiamata
04. Incontro con il mentore
05. Superamento della prima soglia

FASE B (la prova)
06. Prove, alleati e nemici
07. Ingresso nella caverna profonda
08. Prova cruciale
09. Ricompensa

FASE C (il ritorno)
10. Via del ritorno
11. Resurrezione
12. Ritorno con l’elisir

Queste 12 tappe nella loro sequenza rappresentano gradini psicologici e occasioni sociali o sfide emotive indispensabili per uno Sviluppo Personale e per il raggiungimento della felicità ed è per questo che ogni narrazione che consenta di vivere il “lieto fine” ci fa sostanzialmente godere anche solo immedesimandosi nel protagonista del viaggio.

Potrei dilungarmi in una descrizione dettagliata di ognuna delle 12 tappe ma in questo materiale introduttivo ai segreti del Viaggio dell’Eroe preferisco restare ad un livello più semplice e voglio tuttavia spiegare una cosa importante…

La struttura in 3 FASI del viaggio in 12 Tappe… e dove sei tu!

Avrai notato che nell’elenco delle 12 tappe ci sono 3 gruppi che ho evidenziato con 3 colori:
A) la chiamata B) la prova C) il ritorno

ABC
Benchè le 12 Tappe viste una dopo l’altra possano sembrare un Viaggio lineare in realtà si tratta di una percorso circolare il cui finale porta ad un nuovo inizio. Al tempo stesso proprio per questa sua natura ricorsiva il Viaggio dell’Eroe non ha mai fine… pur avendo continuamente dei lieti fine!

Lo so che sembra una contraddizione (una cosa che non ha fine mai ma piena di lieti fine) ma sta anche in questo il potere “magico” del Viaggio: ti permette di avere continuamente soddisfazioni pur lasciandoti libero di vivere dei momenti di stallo.

In sostanza quando impari a vivere con in testa lo schema del Viaggio ricevi una sorta di consapevolezza da eletto che ti permette di vedere le cose di sempre in una prospettiva differente e migliore: non priva di problemi o nemici ma con la costante sensazione di potercela fare! Ti assicuro che fa la differenza!

Quindi io non ti conosco ma so che nella tua vita ci sono parecchi viaggi incominciati e io so anche che potresti concluderli tutti in bellezza… MA tu lo sai? Cosa ti sta bloccando nel Viaggio?

Ora io posso parlare a te con un linguaggio che ti colpisce e sembra che io possa sapere qualcosa di te… ma non voglio fare il mentalista della domenica e quindi ti confesso che so qualcosa di te, solo perchè conosco a fondo il Viaggio dell’Eroe.

So che in certe aree della tua vita dovresti imparare delle cose che non sai, oppure aggiornarti trovando degli insegnanti migliori di quelli che hai attualmente. So che ci sono persone che potrebbero tradirti e invece altre che ti saranno sempre fedeli se non sarai tu a tradire loro. So che forse hai paura di qualche sfida, che forse non osi affrontare un cambiamento o un confronto diretto con qualcuno.

So tante cose di te… ma non le ho sapute per conoscenza diretta… le so perchè ho studiato il Viaggio dell’Eroe come potresti fare tu.

Ad esempio so che adesso (se sei qui a leggere) stai forse per iniziare un nuovo viaggio e hai già accettato la chiamata e mi hai scelto come mentore per questa prima fase…

Io stesso sono eccitato all’idea di poterti insegnare tutto quello che ho imparato sul viaggio dell’Eroe, sulle illusioni che ci sono nemiche e sulle strategie per sconfiggerle… e so anche che la cosa forse ti affascina, forse ti spaventa e sicuramente ti stai ponendo molte domande.

<< E’ tutto molto interessante… ma mi aiuterà? >>
<< SI la cosa mi piace ma potrò applicarla alla mia vita o al lavoro ? >>
<< Ok… accetto la chiamata: e adesso cosa devo fare? >>

Dove sei adesso? E qual’è la prossima tappa?

Se riguardi l’elenco delle 12 Tappe ti renderai immediatamente conte che sei nella tappa n.4, dato che nella puntata precedente hai superato il rifiuto delle chiamata (la n.3) e avevi poco prima accettato la stessa (n.2).

Solo pochi minuti fa… nel tuo mondo ordinario (tappa n.1) forse il Viaggio dell’Eroe non esisteva nemmeno o ne avevi solo sentito parlare ma grazie alla tua curiosità e alla mia voglia di condividere adesso lo conosci!

Eppure le prime 5 Tappe costituiscono solo la prima delle 3 Fasi!

Infatti nella prossima puntata (che riceverai domani nella tua mail) sarai posto davanti ad un bivio e dovrai decidere se oltrepassare o non oltrepassare una soglia. Nulla di complicato o costoso… ma ci sarà comunque una svolta e solo tu deciderai se passare alla fase B: la PROVA.

Ad ogni modo nella prossima puntata scoprirai:
– i veri motivi per cui conoscere la struttura profonda del Viaggio ti può cambiare la vita
– perchè non è importante solo conoscere il Viaggio ma soprattutto farlo e farlo fare
– in che modo l’inganno e le illusioni di massa che ci sono nemiche possono essere alleate.

Il Viaggio dell’Eroe non è una nuova filosofia di vita o chiessà che… e non ti richiede di cambiare nulla di esteriore! Il cambiamento è solo interiore e saranno le tue azioni a creare risultati esteriori; si tratta di uno sviluppo Inside->Out.

Se mi vorrai avere come tu mentore in questo viaggio posso solo dirti che sarà il primo di tanti che poi farai da solo e che imparerai a far fare ad altri, proprio come io forse farò con te. Intanto lasciami un commento e aiutami a condividere queste idee cliccando sul pulsante Mi piace e Condividi.

 

P.S. A grandissima richiesta… per tutti quelli che “non sanno aspettare” se proprio non resisti e vuoi andare a vedere la Puntata n.3 puoi cliccare qui.
In ogni caso domani ti arriverà la mail e aprila perché c’è una sorpresa…

Commenta da Facebook
Condividi con i tuoi amici:

5 Replies to “Le 12 tappe nel Viaggio dell’Eroe”

    • Ciao Alessandro
      Un viaggio è un viaggio e non si può mica arrivare alla fine senza l’inizio! 🙂
      Dai… mi fa piacere ti stia intrigando ma questo è veramente nulla rispetto a quello che ti attende…

      • seconda puntata già divorata. molto affascinato dalla magia (mentalismo) come percorso terapeutico di riscoperta di se, procedo con la terza (poi approfondisco le citazioni…) grz dell’indicazione 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*